Pubblicato da: maria | marzo 2, 2008

oggi si cucina (con passione…)

ppdaplaylinus-valentina.jpg

Nell’aria sentore di primavera. Forse a breve potremo lasciarci alle spalle questo inverno che io ho sentito così freddo, pungente e pesante. Opprimente.

E’ ora di rimboccarsi le maniche. Ad esempio per cucinare qualcosa. Ed è piacevole farlo per le persone a cui vuoi bene. In quest’inverno ho cucinato ben poco e, comunque , non con lo spirito giusto. Ho proposto spesso e volentieri le stesse cose, a volte acquistate già pronte in qualche gastronomia di passaggio. Che tristezza e che mancanza di fantasia…

A me piace cucinare, abbinare i sapori e i colori, i profumi, le sensazioni. Scegliere il vino che meglio si adatta e che renda il tutto più piacevole, più godibile.

Cercare la materia prima fresca, fragrante, affinché il risultato finale faccia sognare i mei commensali ad occhi aperti. Per poter scorgere le facce felici e soddisfatte di chi divide con me la tavola. Infatti io mi nutro degli sguardi di approvazione di chi mi circonda, di chi apprezza, di chi sa assaporare ogni istante, ogni evoluzione, ogni rapimento dell’anima.

Mi piace cucinare in allegria. Se sono triste non cucino e spesso neanche riesco a metter su un pranzo degno di questo nome.

Mi piace cucinare nella bella stagione, con le finestre aperte, il verde degli alberi del giardino che creano un’atmosfera quasi impalpabile. Il calore del sole che si percepisce attraverso le fronde degli alberi. Sentire e non sentire i raggi del sole. Ascoltare della musica, nel frattempo. Cucinare e ballare. Si cucina con amore, con ritmo, con desiderio. Come fare l’amore. Un mix di sensazioni e desideri, un’amalgama di altruismo ed egoismo. Dare e avere.

Tutto in armonia. Tutto dosato con l’istinto. Assaporando ogni ingrediente nella giusta quantità, ogni profumo, ogni sensazione, ogni vibrazione (del corpo? dell’anima?).

Cucinare è un po’ come dare se stessi, il meglio di noi stessi, dare a chi vuoi bene quello che vorresti provare tu. Leggerezza, prima di tutto. Vibrazioni dell’anima, le papille gustative che si esaltano, il calore che si impossessa del cuore e che si propaga vertiginosamente.

Cucinare per chi ami, mangiare con chi ami è puro erotismo.

Per concludere, una ricetta facile e, a mio avviso, adatta a questo momento della vita.

Pesce San Pietro con patate e carciofi

Per 6 persone:

  • kg 1,800 di pesce San Pietro (o anche più…)
  • kg 1 patate
  • n. 12 carciofi (sardi, con le spine)
  • 0,5 lt brodo di pesce
  • 1 bicchiere vino bianco secco
  • olio extra vergine d’oliva
  • farina 00
  • sale
  • aglio

Tagliate le patate a tocchetti e fatele cuocere al forno a 200° con olio e sale per circa 30 minuti. Cuocete i carciofi (precedentemente puliti e tagliati a metà o a quarti) in un tegame con olio, uno spicchio di aglio schiacciato e sale per circa 15 minuti.

Eviscerate il pesce San Pietro (o fatelo fare dal vostro pescivendolo), lavatelo, asciugatelo per bene con una salvietta e praticate un’incisione a zig-zag sulla parte alta della schiena (per facilitarne la cottura).

Infarinatelo e passatelo in una teglia con olio molto caldo (teglia che poi possa andare in forno), facendolo rosolare da entrambi i lati. Irrorate con il vino bianco e lasciate evaporare, salate, bagnate con il brodo.

Nella stessa teglia sistemate anche le patate e i carciofi e infornate a 200° per circa 20 minuti, bagnando, se è necessario, con il brodo rimasto.

Vino: accompagnare il tutto con un bianco di media struttura, morbido e profumato: Vermentino di Gallura Funtanaliras (1996).

Da poco c’è stata la giornata della Lentezza (25.2.2008). Io non ne ho parlato sul blog. Ma, come per tutte le cose, non deve circoscriversi ad un’unica giornata nell’arco dell’anno. Deve diventare un modo di essere e di vivere la vita. Vivere con maggior lentezza e imparare a gustare e trarre piacere da ogni istante.

Pertanto… assaporate ogni boccone del vostro cibo e ogni sorso del vostro vino lentamente, guardando negli occhi chi vi circonda, trasmettendo ogni vostra sensazione, godendo appieno di ogni momento.

La musica che mi circonda oggi…

Annunci

Responses

  1. Cucinando con amore fantasia ritmo e passione si conquistano non solo i palati…e tu devi essere un’ottima cuoca di quelle che sanno creare la magia tra cibo e amore.

    Splendida giornata, ottima grigliata sta arrivando la primavera anche qui e non sai quanto mi faccia felice potermi scollacciare un po’ 😉
    Buona serata Mel.

  2. ti sento bene
    ti sento bene

  3. sei ben circondata, direi!che emozione sentire l’adorato MIck, l’uomo più sexy di tutti i tempi!!
    Buona settimana, Melania

  4. melania che splendido post…armonico

  5. :: Dice bene fgem… ti sento bene anch’io…la primavera che hai tanto atteso l’hai scorta entrare di soppiatto dalle finestre appena schiuse…e le hai spalancate assieme al tuo cuore, che è sbocciato come un tenero germoglio al calor del sole…

    E poi…può mai esser che mi fai venir fame?
    grrrrrr….:DDD

    Un bacio e grazie. ::

  6. A me piace anche cucinare per me da solo, probabilmente dovrei sviluppare meglio la mia tendenza onanista?

  7. Bene, ti lascio un saluto e mi rallegro per la tua ritrovata volgia di cucina sfiziosa….
    Io che di cucinare nonho mai voglia e nemmeno sono brava a farlo

  8. che buco allo stomaco! quasi quasi vado a smantellare la macchinetta distribuisci-kinder qui in ufficio 🙂
    buona giornata!

  9. Mbè Melania, che dire? Sono davvero senza parole.
    Ho lo stesso rapporto che hai tu con la cucina, identico.
    Non mi piace preparare cibo tutti giorni, mi avvilisce. Ma quando decido di mettermi ai fornelli è una festa con balli e risate e vino. Pensa che, quando vado in vacanza, cerco sempre delle case con belle cucine e ben equipaggiate perchè cucinare senza problemi di orario e impegni vari, è per me il massimo del rilassamento e della gioia.
    Per la spesa mi affido a mio marito che è insuperabile nella ricerca, confesso quasi spasmodica e maniacale, delle materie prime migliori. Insomma, siamo un bel binomio.
    Anche io sto sui Rolling, come avrai notato dal mio blog.
    Troppa sintonia, ci fidanziamo? :-)))

  10. Traspare sofferenza e malinconia nei post precedenti ma in questo c’é energia positiva e un bel ritmo, ah questo amore come ci butta giú.
    Ci saró poco ma ti auguro ora, una settimana serena.

  11. che belle le donne che adorano cucinare…

  12. Giornata splendida Mel, che fai vai a cucinare?
    Si puó sapere cos’é la tendenza onanista 🙂
    Buon pranzo

  13. Wow, che bel pranzetto! Stasera vedrò di copiarmi la ricetta, non si sa mai.

  14. Ahhhhhh…sto ridendo Mel, sai com’é non l’ho ancora visto vincere a risiko quindi si dará ad altre tendenze e ieri era proprio uomo delle caverne e voi donne cucinate 🙂 ´
    Maaa domanda, sono belle anche quelle che adorano cucinare gli avanzi 😉

  15. che leccornìa!
    Ti leggo serena…mi fa piacere! Buona settimana!
    baci

  16. che buffo, melania: potrei sottoscrivere il tuo post, parola per parola.
    ho sempre inteso il cibo, la cura nel prepararlo, esattamente come tu la descrivi. forse per questo, da tempo, cucino frettolosamente e senza amore.
    bello leggerti.

  17. buon lunedì

  18. che post ben cucinato, Melania!
    Condivido ogni “ingrediente”.

  19. è una giornata pesante….mi aspetta una prova:)

  20. E’ proprio vero: a noi gente di mare il sole, la bella stagione ci ricaricano di nuova energia!

  21. Anche a me piace cucinare.
    E amo cucinare per le persone che amo.
    Buona settimana 🙂

  22. l’abbinamento dell’amore nel cucinare come espressione dell’amore per chi consumerà con te è davvero erotismo. Gira male Mel, ma non dura e a volte ci complichiamo la vita oltremodo, forse per esplicità mancata. Ma tutto non si può dire e a volte è meglio semplificare, guardando dentro ai nostri desideri. Ciò che vogliamo ed è possibile è ciò che ci fa bene.
    Buona serata Mel, che la notte ti sia amica

  23. Quanto é saggio quest’uomo (devo stare attenta perché col moderatore non si sa mai chi mi capita sopra…parlo di Willico)….tu non lasciar perdere e come dice l’uomo delle caverne ;-): tien duro, sempre duro 🙂 …ricordati due risate stasera alla radio con lui e stai a posto fino a domani.
    Buona serata!!!!!!!!!!!!!
    Che giornata in wordpress, quanto mi sono divertita, oh domani é previsto un freddo cane , ti sapró dire…
    Kisses

  24. C’è posta per te!

  25. Sono appena tornato…a scrivere.
    Ciao Melania!
    Un saluto a tutti.
    Px.

  26. non era una cosa grave /una perizia su un immobile
    ma è andata bene!!! devo cambiare casa ed ho bisogno di un “mutuo ponte”
    Grazie Mel, ti abbraccio!!

  27. I gusti dei miei tati mi hanno fatto perdere un po’ di quella fantasia che ero solita mettere anche in cucina… ogni tanto mi applico con il risultato che poi devo papparmi tutto io per cui e’ meglio che ci RINUNCIO!!!
    Un caro saluto
    Dona

  28. Il pesce con le patate è ottimo,e brava Melania.
    buona serata
    Roberto

  29. “Tutto in armonia. Tutto dosato con l’istinto. Assaporando ogni ingrediente nella giusta quantità, ogni profumo, ogni sensazione, ogni vibrazione (del corpo? dell’anima?).”

    “Pertanto… assaporate ogni boccone del vostro cibo e ogni sorso del vostro vino lentamente, guardando negli occhi chi vi circonda, trasmettendo ogni vostra sensazione, godendo appieno di ogni momento.”

    Si si godiamoci la vita in ogni sua essenza ed in ogni sua sfumatura… voglio proprio vivere cosiiii… in tuuuutttttoooooo! 🙂

    Quando ci inviti a cena?

  30. non uccidetemi.. cos’e’ sto pesce san pietro???

  31. Di nuovo: devo andare a (ri)vivere in campagna.

  32. Hai detto una frase da copiare: ” Cucinare per chi si ama è puro erotismo” salvo poi fargli venire mal di pancia quando l’amore comincia a scricchiolare!

  33. Neve intorno alla cittá, raffiche di vento, ieri 20 oggi meno venti…..io non ci volevo credere e quindi stamani mi sono rifiutata di mettere il giaccone per fare la centaura adesso sono un ghiacciolo…..buon pomeriggio.
    Kiss

  34. ciao mel, tutto ok e tu?

  35. Ciao mel…è andato tutto bene!!! 🙂 Tu come stai? ti abbraccio!

  36. …non solo andare piano, lentamente…
    ma fermarsi anche, ogni tanto, a pensare…
    …prendersi un pò di tempo per sè e niente più.
    Un grande bacio mel

  37. Devi riuscire a reggere tutto, fai scivolare un po’. E io ce la faró a reggere questa giornata? 😉 Siii.
    Buona giornata Melania

  38. Quante cose da dire.
    L’inverno è passato, cara melania . contenta ?
    Adoro il pesce San pietro e ancora adesso stano, dopo 18 anni tondi tondi, a dimenticare un esemplare da me mangiato nel meravigliosa ristorante la Lepanto di alghero, visto che si patla di sardegna…accompagnatao da vermentino di gallura. Non ci giurerei (dopo tutti questi anni), ma la ricetta non doveva essere molto lontana da quella che indichi tu.
    Se posso permettermi una provocazione, però, di solito in Sardegna siete più bravi a preparare la cane che non il pesce. spero di non urtare la suscettibilità di nessuno, ma salsicce, porceddi, pecore etc. da me consumati in terra d’Ichnusa mi sono rimasti impressi.
    Vivere il mangiare come il fare l’amore. meglio di tutto, nella mia scala personalissima di “valori” è: prima mangiare bene ( e bere) e dopo fare l’amore. perfetto.
    Vedo la copertina di Some girls. ehehe che ricordi. tu forse quando uscì sul mercato appena nascevi, io ivece ero al liceo. che ricordi…lo sai che fu boicottato da tutti i neri d’America (tra gli afroamericani il senso di appartenenza è stretto e i boicottaggi funzionano…) per via di una frase estremamente offensiva nei confronti delle donne nere? (Black girls just want to get fucked all night)
    che chicca eh ? non dirmi che lo sapevi perchè non ci credo :-)))))

  39. aggiungerei un nuovo post, visto che io e la cucina…

  40. Cara Melania, intanto devo ringraziarti per esserti preoccupata di me nei giorni scorsi. Arrivo in ritardo, ma ti ringrazio di cuore. Quanto al tuo post, puoi regalare un po’ di colori anche a me? 🙂

  41. La primavera sta arrivando e si sente! Caspita se si sente!! si sente pure dai profumi della tua cucina…Un salutone melania 😉

  42. finito di cucinare? 😉
    baci!

  43. Ma sei ancora in cucina a preparare deliziosi manicaretti?
    Un caro saluto 😉

  44. tra me, te ed altri, non si parla che di gusti mangerecci ultimamente….ma in fondo è così bello ritrovarsi attorno ad una tavola con gli amici….è il mio passatempo preferito…altro che cinema o danze..ciao mel…buon appetito!

  45. per chi non ha problemi di linea!!!
    Ciao Melania:) Buona serata!! A più tardi.

  46. hola mela… ahahhaha… oggi si mangi allora… mi sa che non mi uscirebbe bene come piatto… boo non so… si sto bene, almeno credo… e tu tutto ok?… bezito

  47. mmm… immagino mela, ti sei imbarcata in una bella avventura, ci vuole coraggio e fermezza per reggere, ma è un acosa importante, quindi resisti, bezito

  48. “Afrodita” di Isabel Allende, è il libro che fa per te.
    Racconti, ricette e altri afrodisiaci.

  49. Quella della pelliccia, dell’elicottero e delle droghe pesanti le avevo pensate pure io, poi dei tuoi “mai fatto” siamo a 10 su 10 anche per me.
    Hai risolto con la bimba, io spero di si 🙂 e ricorda fregatene a meno che non é un gran pasticcio!
    Notte Mel.

  50. Hai la forchetta giusta…il giusto coltello……allora è tutto perfetto, da assaporare con la giusta musica anche se lo stereo ora è spento.
    Dimenticavo ” IS ARGIOLAS “………………..attenta al vino!

  51. @salvatorepiroddi: direi della mia terra, almeno come origine. conosco e aprezzo tanto Argiolas e nello specifico “Is Argiolas”. Per i miei gusti leggermente troppo fruttato.
    grazie, comunque

  52. Esatto…la perfezione ha un suo prezzo.
    P.S.Marz085

  53. Melania Oscar, chi é questo Salvatorepiroddi, ogni tanto arrivano commenti preziosi sarebbe bello capire chi e dove giusto per non farceli scappare 🙂
    Buona giornata Mel, che dolori questa scuola ma la grande lavora?
    Kiss non darti le colpe, io avevo 8anni quando si separarono precipitó tutto e la mia infanzia andó a put….e, peró ci sono eccome…energica e vitale 😉 loro sono grandi devono affrontare e poi tu ci sei eccome se ci sei.

  54. Io sono uno di quei maschi che in cucina ci sa fare e ci mette passione. Fino ad ora ero decisamente meglio di tutte le ragazze che ho avuto, cucino meglio perfino di mia madre e questo é particolarmente inquietante. Poteri di internet…eheh

    saluti:)

  55. Melania, Melania, che bello leggerti, quasi quanto stare in cucina. Pensa che il giorno della lentezza era il mio compleanno…

  56. Cucinare per sé e per chi si ama è rilassante.
    Insegui i tuoi pensieri mentre le mani vanno quasi da sole.
    Ed “il piatto”, alla fine, è una promessa mantenuta.
    Per tutti.

  57. Spero tutto bene
    Un abbraccio
    Dona

  58. Melania, ora tocca a me tirarti le orecchie del fatto che sei fuggita? 🙂

  59. sai cosa ho appena mangiato io?
    finocchi lessi e zucchine come sopra!
    la gente pensa che siano tristi ma io ti posso assicurare che mi piacciona una cifra 🙂

    certo..un bel piatto di spaghi con sughetto di pomodorini e basilico e aglietto rosolato nell’olio buono mica mi fa schifo….(il tutto innaffiato da un buon vinello!)..
    però perchè le verdure lesse o cotte al vapore o in generale la cuicna semplice non troppo elaborata fatta di cose genuine viene considerata roba triste per gente triste?mica uno mangia così perchè sta necessariamente a dieta!e poi parliamoci chiaro…l’abbacchio sarà pure buono per i cultori della carne come la fiorentina e affini…ma per digerirla ti ci vuole na settimana e al termine ne hai digerita un quarto!

    cmq..lo sai adoro anche il riso.
    quindi la prossima ricetta di melania è “risotto…..” 🙂

    ti stringo forte forte.
    raffabella

  60. Cucinare, sì, è usare tutti i sensi. Sentire quello che si fa, vederlo realizzarsi, anticipare il piacere… Me ricorda qualche cosa, devo di’ 😉
    M.

  61. oberata di lavoro? un salutino 😉

  62. Alla casa avrei da sottoporre le mie richieste:
    CARPACCIO DI TONNO CON RUCOLA E CAPPERI
    SALMONE DI SCOZIA AFFUMICATO
    ZUPPA DI CIPOLLE ALLA FRANCESE
    ROGNONE DI VITELLO TRIFOLATO
    INSALATE MISTE DI STAGIONE
    GELATO DI CASTAGNE
    Si può fare… magari su quella spiaggia che profuma di rosmarino… Chi ti parla è il nonno il bambino è immerso in altri sogni…
    David.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: