Pubblicato da: maria | marzo 27, 2008

allora scrivo

roy_lichtenstein_drowning_girl.jpg

E’ vero. Sono di cattivo umore, in particolare da ieri sera. Ed oggi il risveglio non è stato dei migliori, grazie ad un’incomprensione nata così, di primo mattino, con una persona che mi sta tanto cara. Non ha fatto che accentuare questo stato.

Xeena mi ha detto di scriverci un post. In teoria dovrei lavorare, sono abbastanza indietro con un lavoro e il tempo corre. Ma… scrivere per me è terapeutico. Mi serve per cercare di stare meglio, per riuscire a lavorare in modo più proficuo e rapportarsmi con le persone che mi circondano in modo più sereno.

E’ da un paio di sere che mi rendo conto di essere molto nervosa. In particolare la notte, quando arrivo a casa, mai prima delle otto e mezza. Tante, troppe cose da fare. Mi sembra di avere sempre qualcuno appresso che mi rincorre. Ne sento perennemente il fiato sul collo, e questa sensazione non mi abbandona mai. Alla lunghe non è piacevole. Manca l’aria e mi sento soffocare.

Sento le responsabilità che in questo momento mi pesano sulle spalle, si accumulano giorno dopo giorno e il tutto diventa gravoso. Faccio fatica a mantenere questo equilibrio conquistato con tanta fatica.

Responsabilità nei confronti del mio lavoro e delle persone che lavorano con me. Nei confronti dei miei genitori che, anche se cercano di non darlo a vedere, sono preoccupati e forse non capiscono bene quello che sta succedendo nella mia vita. Nei confronti di mie figlie, che hanno bisogno di un ambiente sereno in cui vivere. Hanno bisogno di calore, di amore, di sorrisi, di comprensione, di fermezza.

Tutto il mondo che mi circonda ha bisogno di qualcosa. Chiede, vuole e pretende. Giustamente. Ed io non mi sento in grado di dare molto. Anzi, in certi momenti, proprio niente. A volte è anche faticoso regalare un sorriso, delle parole, anche solo ascoltare.

Se potessi farei le valigie e partirei per un po’. Per cercare di riordinare le idee, i pensieri caotici che si sovrappongono, i sentimenti e le sensazioni che faccio fatica ad identificare ed a catalogare. Ma non posso. Come ho già detto, ho delle responsabilità. Non posso scappare davanti alle difficoltà. Non sarebbe giusto. Questa è la mia vita, il mio mondo. Non posso pensare di metterci una pietra sopra e fare finta di niente. Non è qualcosa che posso lasciarmi alle spalle.

Mi sento un po’ sballottata, come una zattera in mezzo al mare in burrasca. Aspetto che passi. E tengo duro.

Annunci

Responses

  1. Beh direi che hai detto un po’ tutto compreso il fatto di aspettare che passi. Il tempo sicuramente fa la sua parte ma non toglie la tua. Qualsiasi sia il tuo bisogno non aspettare che ti venga soddisfatto, soddisfatelo! Non si puo’ sempre pendere dalle altrui labbra… e che diamine!
    Dona

  2. prendersi una pausa non vorrebbe dire scappare e poi fatti sentire dagli altri,basta chiedere , che diano anche…melà nun fà accussì, stiamo vicini vicini …come posso partire ora lasciandoti in questa situazione?

  3. alti e bassi? hmmmmm a me sembrano solo bassi….parto dopodomani per una settimana, ne faccio un post domani

  4. ciao mela, dai i doveri ci saranno sempre e poi sai che tu sei in una condizione più impegnativa di molti di noi messi insieme ma infondo anche più stimolante, poi infondo scrivere è terapeutico, come tutte le passioni infondo… dai viviamo in un’isola magnifica e caleidoscopica… quì basta una domenica per avere la sensazione di aver fatto un lungo viaggio per terre lontane… bezito

  5. Beh.. e’ una sensazione che vivo spesso e molto spesso mi sento opprimere da una sensazione di claustrofobia.
    Non ho cure miracolose da darti… ma personalmente quando sono così mollo tutto per qualche minuto, esco e vago a piedi senza parlare con nessuno, possibilmente al fresco, di sera cercando di vedere il cielo…
    A volte funziona…

  6. Come mi tocca questo tuo post…mi è sembrato di vederti rientrare nella tua casa alle 8 e mezza di sera , col tuo sentirti inadeguata alle responsabilità che ti schiacciano.E’ una sensazione pesante,faticosa,si pensa di non farcela .Ma è mai possibile che si dà sempre e mai si prende,tutti hanno bisogno di noi e quanto più diamo tanto più ci viene chiesto!
    Rifletto,e mille pensieri si affollano , nella mia mente,mille sentimenti nel mio cuore…ripercorro le vicende della vita lavorativa,della vita affettiva,delle amicizie,dei miei cari,dei miei amori.Poche le grida,tanti i sussurri ,ecco ,questo posso dire ,è la sintesi di un’esistenza che…mi piace così.

    Ciao dolcissima

    Al.

  7. Beh, anch’io sto vivendo un momento non facile e mi rifugio nella scrittura (quando ne ho il tempo).
    Forse un giorno scapperò, non dico dove perché altrimenti mi beccano subito.
    Ma sarà sicuramente un posto tranquillissimo…

  8. Non puoi metterci una pietra sopra, non si possono fare valigie, non si puó scappare… una serie di no che pesano come macigni che ci spingono sempre piú giú, che premono su di noi e quella sensazione di non respirare….devi reagire anche esplodendo non si puó tener su la maschera di una serenitá che non hai. Lascia che anche loro ti vedano in questo momento “no” ti capiranno e forse la pressione si allenterá.
    Intanto un bacio
    Xee

  9. Tieni duro Mel, dolcissima zattera tra le onde! 🙂

  10. Si è sempre in un ” Porto ” si affronta un nuovo viaggio, sconosciuto, pieno di insidie con un timone esageratamente grande, forse troppo o troppo poco però è tutto nelle tue mani.
    Lo sò, ci vuole una forza impressionante, facile a parole affrontare quel mare ora ostile e sibillino, troppo per Noi, niente per te Mel………ti costerà ascoltare troppe urla silenziose ma sarà la tua determinazione a prevalere su tutto, dai puoi correre sul filo lui ti Regge sino a diventare un prato fiorito è profumato, ciò che oggi non puoi certo minimamente vedere e ne sentire, accadrà quando meno te lo aspetti, lo sai bene che la vita è un’eterna sorpresa che cela tutta la sua bontà…..come l’interno delle copulette.
    Tutto il bene che non ti immagini in un semplice abbraccio di un Nessuno.
    Salvatore.

  11. il mare so che sai reggerlo bene.

  12. @Salvatore: ok, sono d’accordo. mi concedi che mi spaventa un attimo avere questo timone nelle mie mani?
    Però mi piace tanto il raffronto con il ripieno delle copulette, sarei disposta a rischiare per un “futuro” così intiressante. Buono, dolce, saporito… che sa di buono.
    Mio caro Nessuno… accetto e sento…
    Notte e bacio

  13. credo di comprenderti , Melania.
    I problemi da affrontare, daiq uali non si può scappare….e poi non voglio azzardare, ma se il tuo cuore è lontano, immagino , la voglia che avresti di andare li’…
    Ti son vicina con affetto, capisco che devi affrontare i tuoi problemi, ma non sottovalutare le tue esigenze profonde, chè poi si rischia di ammalarsi.
    Un caro saluto
    Laura

  14. Ciao Marinaio, dura giornata oggi…….al mio rientro regalo o Nessuno………forse ci riuscirò.
    Ciao Salvatore.

  15. scusate….che so’ le copulette? intendevate forse cupolette? 😉

  16. In queste situazioni io tel.ad un amico pescatore e si va a pesca….con la canna in barca sul lago.
    Alla sera cucino il pescato alla griglia e lo divoro accompagnandolo con un “tocai” (un vino bianco carico di mille profumi)…..poi ,a volte,ci scappa anche del sesso !
    La mattina mi alzo e affronto il mondo da “leonessa”!
    by e auguri…..pesca bene

  17. @Salvatore: buongiorno. Io navigo in acque più serene oggi, anche se l’idea del fine settimana non mi rallegra mai tanto. Sei misterioso… molto lavoro?

  18. @Laura: so bene che capisci. Ho imparato a comprenderlo dai tuoi commenti. In certi momenti le mie esigenze personali passano in secondo piano. Un giorno mi riscatterò… spero…
    un forte abbraccio

  19. Pocòl..conosco bene…hai capito che sorpresa !! non lo sapevo che anche tu….ok melà, se non ci sentiamo nel pomeriggio ti saluto ora con grande effetto pardon affetto e una raccomandazione…….è inutile che la scriva perchè sai già qual’è….ciao un bacio

  20. Mel giá fatto abbiamo solo scaldato, é qui che fa i compiti (d’italiano) col cane che le gironzola intorno e non vede l’ora di uscire in passeggiata…peccato il tempo si é guastato da poco un bel nuvolone e vento freddo…
    tu stai meglio sono contenta…ah quanto berrei volentieri un caffé con te, fronte mare…
    Kiss meglio che non ci penso.

  21. Ah ecco. Però quando sei nervosa tiri fuori post di una rara intima bellezza… Parere mio!

  22. Ciao, sono rientrata. Ho sbrigato tutto in mattinata e sono tornata ai miei monti.
    Capisco il tuo stato d’animo: è comprensibilissimo. Mi piaci quando dici che tieni duro e che sai che passerà.
    Un abbraccio.
    Anna

  23. sono contenta di sapere che oggi navighi in acque più calme! 🙂
    Ciao a dopo!

  24. Le responsabilità ci sono anche verso se stessi…perchè se non si sta bene noi non si può dare agli altri…

  25. Spero che oggi vada un po’ meglio….se puoi però fermati un attimo soprattutto per te stessa…
    Ti abbraccio e ti auguro un sereno finesettimana!

  26. melà guarda che ti controllo eh? dall’alto delle Tofane…

  27. ciao melania, mi sento proprio come te.
    solo che non ho voglia di scrivere, non ora, almeno.
    comunque siamo troppo forti, zattere, ma solide.
    buona serata.

  28. fai bene a scrivere 🙂
    ti auguro un fine settimana ottimale per rimetterti “in riga”! 😉

  29. “Tutto il mondo che mi circonda ha bisogno di qualcosa. Chiede, vuole e pretende.”

    Anche tu hai bisogno di qualcosa da chi ti sta intorno. Oltre a dare, ricevi, pretendi di ricevevere! E dai… E’ una catena inesauribile.
    E non smettere mai di scrivere!
    Un caro abbraccio e grazie per quello che mi hai scritto.
    princi

  30. Se avessi appena scritto questo post e lo stessi rileggendo penserei “qui mi ci vuole un bel cannone”

  31. Buona notte mel, anche in questa notte aspetterò la mia bimba…speriamo che torni presto…

  32. Titolo:

    ” Arsi ”

    Pensarsi
    Cercarsi
    Trovarsi
    Amarsi
    Lasciarsi
    Odiarsi
    Pensarsi
    Riamarsi
    – Arsi –
    dalla Vita

    Salvatore May 1998
    R.P.S.Marz0828 solo per te.

    Oggi 20° giornata splendida bellissima, Ok regalo, domattina email, semplice carezza……….piazza delle Donne…….oggi!
    La Notte ha le gambe e arriverà presto col suo caldo sorriso per te Mel, cjao stelle Im Dead.
    P.S. Bradley Trevor Greive ” IL SENSO DELLA VITA ” Ancora Coccole, regalo per tue figlie e per te……….lo Amo perchè ci fà Amare.

  33. Ma come Oscar io le chiedo di scrivere e tu la inviti a farsi una tromba, dai cavolo vabbé che dopo aver concluso qualcosa di bello due tiretti per rilassarsi e collassare non é una brutta idea ma suvvia, a parte gli scherzi…fallo 😉 w la Maria (tu,é!)
    Bello Mel hai cambiato tutto un giorno ci provo pure io, ma ci sono affezzionata al tutto: impaginazione immagine avatar….
    Buon sabato rilassati e buona colazione al bar 🙂
    Xee

  34. credo che ogni tanto lasciarsi sballottolare dagli eventi non sia così sbagliato.
    lasci che le cose accadano senza fare troppi sforzi.
    ti lasci prendere da tutto.gioia.amore.tristezza.pianto.rabbia.insofferenza.
    ascolti ogni sensazione e la assapori fino in fondo.
    non ti preoccupi di dove stai andando e neache se devi arrivare.
    ti lasci solo trasportare.
    lasci che le gambe vadano.
    le senti forti e sane.
    tese e calde.

    ti lasci solo trasportare.
    ti lasci solo trasportare….

  35. @Salvatore: hai avuto una giornata pesante e sei stanco. Eppure quello che hai scritto è proprio bello (“Arsi”). Grazie. Grazie per le coccole (coccole blu?). E buon risveglio. The o caffè al risveglio?
    bacio nel frattempo

  36. Ciao Melania,

    spero che le cose siano un po’ migliorate.

    Ti auguro un sereno weekend e ti lascio un sorriso 🙂

    Riccardo

  37. Caffè, sempre.
    Email, spero arrivino tutte 20!
    Bacio, Salvatore.

  38. Coccole verdi, è lui da osservare e conservare.
    Amo loro, quelle blu meno, is not perfect.

  39. Quando lavoro prendo un cappuccino. Il sabato e la domenica caffè, macchiato e sempre al bar. Sono i giorni in cui pranzo. Nel pomeriggio niente caffè, anche se in teoria mi piacerebbe (l’ho fatto invece, con la moka, a mia figlia Giulia, la grande… che profumo…).

    Ne sono arrivate 4, a dire il vero. Credo che la casella di posta tiscali sia un po’ incasinata, la uso anche per lavoro. Se vuoi ho un altro indirizzo mail:

    maria_mannuzzu@yahoo.it

    poi ne avrei ancora tanti altri, ma li controllo solo dall’ufficio, mentre tiscali e yahoo anche da casa.

    Perché quelle blu d meno?

    Mi metto a leggere…

  40. Ciao mel…sono esausta, sto per uscire per andare al cine, ma domani avrò un mercatino (mi diverte) e dovrò alzarmi all’alba!!!!baci

  41. ” perturbazione ” pianissimo fortissimo, tutto per te……….corsa frenetica, Carlo ha pescato all’isola dei porri……….bene, polpi e patate, 20 minuti e loro son perfetti.
    Un abbraccio, grazie, ne avevo bisogno oggi!
    Bacio, Salvatore – x – = più tardi.

  42. Messaggino da Oscar 🙂
    Notte.

  43. Email………ora scappo Zoooooooooooom

  44. @Salvatore: ricevuto mail e risposto. Ti ho detto i bei ricordi che ho legati all’isola dei porri… in primavera dà il massimo con i suoi colori da sogno. Polpi con patate, vera goduria per il palato. 20 minuti mi sembrano pochini, se devo essere sincera. Io ci metto più tempo. Se li fate in 20 minuti, per favore dammi la ricetta. Alla stintinese sono eccezionali, e mi piacciono tiepidi, appena fatti.
    Buona serata, a quando vuoi

  45. Non ho letto nessun commento come al solito, rispondo direttamente al tuo post!
    Ricetta: vasca da bagno calda con:(essenza di fieno dell’Alto Adige/Heubad aus Südtirol) un bicchiere di quelli grandi alla moda..con dentro il Teroldego Rotaliano (Mezzocorona). Chiudere gli occhi e pensare a Collin Firth, quello di orgoglio e pregiudizio… vai su Youtube!
    Ricamimoci sopra (Xeena :- Kreuzstickkurs)

  46. @Iso: stanotte rischio di fare l’alba. Penso che seguirò il tuo consiglio, mi sembra un rimedio molto, molto piacevole. Notte Iso, è sempre bello averti qui.

  47. E tieni duro cara Mel!
    Anche a me capitano momenti così… e vorrei mollare tutto… scappare su una spiaggia deserta ed urlareeeee per liberarmi dall’ansia e dalle aspettative altrui… ma non sempre è possibile.. a volte basta una canzone, un profumo,un’emozione e poi passa… a volte passano mesi e ci combatti ancora… ma tu non mollare che chi la dura la vince, sempre!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: