Pubblicato da: maria | agosto 7, 2008

ricordi?

ricordi la prima volta? quella in cui ci siamo visti. no, nessun colpo di fulmine, non da parte mia. e tu non hai mai ammesso niente di simile. la tua domanda così banale e sciocca. io ti ho guardato, seduta alla mia scrivania, con l’aria forse un po’ da stronza (ma chi è questo? cosa vuole?).

poi la sera mi hai chiesto un passaggio in macchina, tu eri appena arrivato e non conoscevi la città (che palle…ho pensato ora che vuole questo da me?). avevo già una vita sentimentale incasinata e non pensavo certo a te. eri un ragazzino che parlava tanto, forse per nascondere un po’ di insicurezza, una certa timidezza.

poi è diventata una consuetudine trovarci la mattina lì all’angolo e mi incazzavo quando arrivavi in ritardo. io sempre puntuale, tu spesso in ritardo. fare colazione insieme prima di andare a lavorare. e poi parlare, parlare… parlare di tutto. svuotare il grande contenitore dei nostri pensieri, uno dentro l’altro.

ricordi quel carnevale? ricordi quanto ho pianto e quanto mi hai consolato? come un amico, un caro amico. poi ho deciso che dovevo divertirmi in ogni caso. ci siamo vestiti, un po’ mascherati e siamo andati insieme a quella festa. io avevo deciso di sconvolgere il mondo che era abituato a vedermi vestita in tenuta da ufficio. al posto dei soliti jeans e felpa… pantaloni neri aderenti, scarpe con un po’ di tacco, giacca nera che sotto celava un minuscolo top. capelli blu. riuscii bene nell’intento e forse andai anche oltre ogni aspettativa.

ci divertimmo da matti. ballando sino all’alba, raccontandoci man mano delle nostre reciproche conquiste.

poi che è successo? non ci bastava più il tempo che passavamo insieme, ed era tanto. abbiamo cominciato a scriverci. lettere, poesie. su foglietti o su carta da lettera che ci scambiavamo la sera quando ci salutavamo. quando tu rientravi nella tua casa e io nella gabbia dorata che stavano cercando di costruirmi intorno. non c’erano i cellulari, allora non si potevano scrivere gli sms.

poi siamo andati oltre. come non lo so. mi sono accorta che non avevi solo una mente, avevi anche un corpo e che lo sentivo vicino a me, lo percepivo distintamente. il suo calore. non so quando ho cominciato a desiderarti, so che quando il 28 febbraio mi hai baciato, in spiaggia e con un maestrale che soffiava forte e disperato, ho capito che era esattamente quello che volevo in quel momento. a prescindere da tutti i casini a cui sarei andata incontro. nonostante tutto e tutti.

ricordi, vero?

io lo ricordo, bene. e nonostante tutto non lo dimenticherò mai.

Annunci

Responses

  1. bei ricordi…..o è una storia???
    O tutt’eddue?
    Un mix tra relatà e fantasia?

  2. Ma allora questo è masochismo puro!
    Quella bambina con i capelli blu forse è cresciuta, ma dentro di lei ci sono sempre le stesse cose belle, no?

  3. ci sono avvenimenti, anime affini, che lasciano un segno indelebile, nel corpo e nella memoria.

  4. lasciali liberi quei ricordi, ti riveranno a cercare, magari sarai cambiata e riusciranno a non farti soffrire!
    abbraccione

  5. i ricordi che brutta bestia mel.
    a volte vorrei riuscire a spazzarli via con un bel colpo di ramazza.altre volte mi cibo di loro e mi aggrappo ad un particolare.una sensazione vissuta.un attimo assaporato.altre volte vorrei aprire squarci nella mia anima ed estirparli uno ad uno per sentirmi più leggera.

    poi mi fermo.respiro.cerco di placare quel subbuglio interiore che troppe volte mi attanaglia l’animo.e cerco di mettere pace.cerco di mettere pace dentro di me….

    questo è ciò che tento di fare.
    questo è ciò che sto facendo.

    fare pace con me stessa.

    e allora se i ricordi affiorano non li combatto.
    e se vivo qualcosa che subito dopo diventa ricordo la vivo.e guardo avanti sorridendo.e dietro di me felice per aver vissuto.

    ti stringo.come sempre.
    raffabella

  6. ricordi bellissimi…portali sempre con te…

  7. ricordo.

  8. ti saluto prima di partire…prenditi cura di te
    Un grande grande abbraccio

  9. Ciao Mel, felice di ritrovarti.
    Sono appena tornata da Bari sardo, Stintino era un po’ lontana, ti ho pensato, ho pensato ai colori e ai profumi che vivi e respiri tutti i giorni e alla tua anima calda che è immersa in questa terra meravigliosa.
    Prima o poi ci incontreremo se ti va, per ora mi rende felice leggerti ed avere una naturale comunione d’anime. Sento i tuoi grandi sentimenti, e mi stupisci, e riesco ad avvicinarmi a tante tue sensazioni forti, così simili alle mie a volte.
    Ti abbraccio Mel.
    Di cuore.

  10. eh, i ricordi….. che carogne.
    ma indispensabili.pure se dolorosi a volte.
    viso glabro. ora.

  11. buon ferragosto
    zzz

  12. Laura: passa dei giorni sereni e torna fresca e ritemprata. mi prenderò cura di me, stanne certa. ti abbraccio forte, forte

  13. ciao cara, tutto ok?
    mi sono persa un po’ di cose, ma la mancanza di connessione porta davvero ad essere fuori dal mondo …
    un bacio …
    ps
    dolcissimi ricordi …

  14. Raccontare un’emozione, trasformare in parole, scritte o pronunciate, dei sentimenti, significa dargli vita. Da quel momento in poi non si può più fingere non esistano. La meraviglia della comunicazione: l’anima che si fa carne.

  15. bella.. non so sè è realtà o no ma arriva a chi legge..
    ciao.

  16. Che tuffo con questa canzone, ero veramente una bambina ma non ho mai amato particolarmente Vasco, riconosco che certe canzoni segnano e incidono i ricordi nel nostro cuore.
    Un bacio Mel 🙂 …buona notte.

  17. Ma certo che ricordo tutto, ogni singolo particolare, anche il sassolino che mi si era infilato nel sandalo. Solo una cosa mi sfugge, come diavolo ti chiamavi?

  18. E’ la realtà … Dolorosa … che ritorna … vero Mel ?

  19. Horion: no, non è dolorosa. puà essere malinconica. ma non dolorosa. la malinconia fa parte della vita, della mia per lo meno.

  20. Karla: questo è assolutamente il ricordo di qualcosa che è effettivamente avvenuto.
    grazie e a presto

  21. Ruby: se non lo ricordi tu, chi può ricordarlo oltre a me? dormi presto.

  22. ciao Mel! Io nel mio ufficio con l’aria condizionata…ma il mio pensiero è alla mia bimba che è sul trahetto per la Corsica! Funzionerà là Wind? Speriamo!!! 😦 🙂

  23. come hai ragione: la malinconia non è triste, è dolcissima se accompagna dei bei ricordi.

  24. Raramente capita; è stato bello leggere questo post. Descrivi così bene che ho sentito per un attimo il maestrale vibrare in queste righe.

  25. I ricordi …….. brutte bestie, spesso lasciano l’amaro in bocca o la melanconia di qualcosa di perso o perlomeno passato, altre volte riescono a strapparci un sorriso in memoria di quei tempi!!
    Buona giornata Mel!! 🙂

  26. Questo post mi ha ricordato tante cose, troppe. E poi…il maestrale della tua terra……

  27. che i ricordi regalino sempre un sorriso al loro passaggio!!!
    Un bacio.

  28. Cavolo… bello Mel! Da come lo hai descritto e raccontato… è stato qualcosa di infinito! 🙂 Bellooooooo! Si vive di questi momenti qua… si vive per questi momenti qua: alcuni giorni sono fatti per aspettarli, altri sono per viverli, momenti infiniti! 😀 buon proseguimento di estate…

  29. Leggo “Oceano mare” e penso a te che ci sei cosí vicina…buona serata
    🙂 Kiss

  30. I ricordi belli portano malinconia per averli persi…ma anche soddisfazione per averli aveuti e vissuti…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: