Pubblicato da: maria | settembre 26, 2009

frattura

4a58db0d1fbaf35db23ddb8af3f95019

all’improvviso ti rendi conto che qualcosa si è rotto. ti invade la sensazione che dal momento in cui hai superato quel limite, sottile e impalpabile, non riesci e non vuoi più tornare indietro. si è creata una frattura netta che ora s’incunea e si fa strada in modo invasivo. senti che ciò che sino a quel momento hai degluttito, a fatica o meno, risale in modo impellente. il tutto molto simile a un terremoto o a un vulcano in eruzione. i contorni si sfaldano, la massa si annacqua. tutto perde consistenza. tutto perde sostanza. le luci si abbassano e il palcoscenico all’improvviso resta vuoto.

la commedia è finita.

(questo non fa parte del mio presente. sono solo ricordi di cose passate…)

Un giorno credi (Edoardo Bennato)

Un giorno credi di essere giusto
e di essere un grande uomo
in un altro ti svegli e devi
cominciare da zero.

Situazioni che stancamente
si ripetono senza tempo
una musica per pochi amici,
come tre anni fa.

A questo punto non devi lasciare
qui la lotta è più dura ma tu
se le prendi di santa ragione
insisti di più.

Sei testardo, questo è sicuro,
quindi ti puoi salvare ancora
metti tutta la forza che hai
nei tuoi fragili nervi.

Quando ti alzi e ti senti distrutto
fatti forza e va incontro al tuo giorno
non tornare sui tuoi soliti passi
basterebbe un istante.

Mentre tu sei l’assurdo in persona
e ti vedi già vecchio e cadente
raccontare a tutta la gente
del tuo falso incidente.

Mentre tu sei l’assurdo in persona
e ti vedi già vecchio e cadente
raccontare a tutta la gente
del tuo falso incidente.

Annunci

Responses

  1. si, sono ricordi di cose passate, perchè quando sei in una trasformazione, certe cose del passato deflagrano.
    Un grande abbraccio

    • Sì, Laura. Proprio così.
      Un grande abbraccio e a presto

  2. qualche volta mi è successo quello che hai scritto, mi son messo due dita in gola e ho vomitato

    • no, non è una soluzione quella che proponi.
      di questo ne sono sicura.

  3. Certo, “degluttire” non è facile.
    Però non ho capito bene: quale sarebbe il limite?
    Un semaforo?

    • Per niente facile.
      E quando io mi rendo conto di non riuscirci più… mollo tutto.
      Faccio un passo indietro.
      E provo a vedere le cose da un punto di vista differente.
      Recupero un briciolo di razionalità.

      Il limite? Non si può stabilire a priori. Varia di volta in volta.
      Da situazione a situazione.
      Da stato d’animo a stato d’animo.

      …potrebbe anche essere un semaforo… forse…

  4. Questo tuo scritto mi ha fatto venire in mente questo video:

    Scusami ma, frequentando i miei due piccolini, mi sto riappassionando agli Anime.

  5. leggo, ci penso e mi pare che le parole siano scorza, ma se la togli l’albero muore. Coraggio Maria 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: