Pubblicato da: maria | agosto 4, 2011

Ma s’io avessi previsto tutto questo… forse farei lo stesso.

Riflessioni scaturite da una breve chiacchierata con un amico.

L’oggetto della discussione è stato cosa farei se avessi la possibilità di tornare indietro nel tempo. Ciò che rifarei e ciò che, invece, deciderei di depennare dalla mia vita.

Ragionamenti seguiti con la consapevolezza che tutto questo è impossibile. Il passato sta lì, alle spalle, solido e inalterabile.

Il senso di questa discussione? Capire cosa ti porta, a volte, a prendere una strada invece che un’altra.

Forse è questa strana estate che mi porta a fare  simili riflessioni, non lo so. In pochi attimi ho rivisto la mia vita, le tappe fondamentali, le scelte fatte e tutto quello che ne è derivato. Gli errori commessi, che a posteriori lampeggiano come le luci di emergenza di una macchina.

Già, gli errori. Senza dubbio ne ho commessi tanti, quasi sempre per colpa della mia inguaribile impulsività. Ma non solo. Questo senso di insoddisfazione che periodicamente è venuto a galla e che mi ha portato a cambiare rotta e a intraprendere una nuova strada. La ricerca di un appagamento più completo in tutte le varie sfere della vita.

E ora sono qua, con alle spalle più tempo vissuto di quanto, con ogni probabilità, me ne resti davanti. Un passato che nonostante tutto non mi sento di rinnegare. Magari, potendo, gli darei qualche ritoccatina, qui e là. Una raddrizzata ogni tanto. Ma niente di più. Lo guardo, ogni tanto, e gli sorrido. E continuo per la mia strada.

Annunci

Responses

  1. citazione da Kierkegaard: “la vita si comprende guardando all’indietro, ma si vive guardando avanti”: io penso che l’importante sia – come sempre – l’equilibrio tra le due cose. Mi viene in mente lo specchietto retrovisore di una macchina: se si guarda solo lì dentro si va a sbattere, così come se non ci si guarda mai…
    Mi piace il fatto di sorridere al passato, l’unico modo per depotenziarlo!
    🙂

    • I tuoi commenti mi lasciano sempre piacevolmente sorpresa.
      La frase che hai citato mi piace molto e l’esempio da te fatto dello specchietto retrovisore della macchina,,, ancora di più.
      E’ proprio vero, sai…
      Io sorrido al passato.
      Cerco di vedere il lato positivo di quel che è stato per lo meno.
      🙂

  2. No, io non lo farei; vorrei rinascere sì ma con un po’ più di coraggio!

    • Eppure per il poco che ho avuto modo di conoscerti non mi sembri una donna poco coraggiosa.
      Avrei detto esattamente il contrario.
      E’ anche vero che questa vita richiede una dose di coraggio… insomma, non basta mai.

  3. Cara Maria, io che del passato ho fatto il mio
    vessillo, se ciò fosse possibile non tornerei mai indietro.
    Ho tanto e troppo sofferto. Ma rinunciare a Lui, mai.
    Gli errori sono fondamentali per crescere, ripeterli, è sintomo di
    insicurezza o di leggerezza.
    Anchi’io sono impulsiva , ma ciò è dovuto alla mia emotività che se per
    un verso mi ha spesso danneggiata per l’altro mi ha portato a “sentire
    anche il minimo sussurro di Vita.

    Avviandoci verso sera ti auguro che ti sia lieta
    Un abbraccio
    Gina

    • Gina cara, anche io sono una persona molto e troppo emotiva.
      Emotiva, impulsiva e testarda.

      Ti abbraccio forte

  4. Il passato, come dice un tizio, è una terra straniera.

    • Sai che non ho letto il libro e non ho visto il film?
      Lacuna da colmare, credo.
      Adesso me ne hai fatto venire voglia.

      (anche di rivedere per la centesima volta Casablanca… Grazie…) 😉

  5. probabilmente questo post si può ricollegare al precedente. Tornando indietro rifaremmo le stesse identiche cose perchè altrimenti vorrebbe dire aver subito un cambiamento radicale della nostra personalità…..E i cambiamenti radicali non esistono 😉

    • Sì, credo proprio che sia ricollegabile.
      Una specie di percorso fatto di riflessioni.

      Per me basta dire che non cancellerei dal mio passato niente che potrebbe impedire il fatto che io ho le mie due figlie.
      Giulia ed Elena.
      Con il loro DNA.
      Di conseguenza il loro padre.
      E via dicendo.
      🙂

  6. Fortunata se al tuo passato daresti solo una ritoccatina. Io cancellerei molto volentieri alcuni episodi: del tutto e senza ripensamenti.
    Quanto al libro di Carofiglio, io ho visto il film, dato che il magistrato-scrittore barese è troppo sbruffone per i miei gusti.
    Bel film, comunque. 😉

    • In effetti c’è una piccola quota della mia vita che potrei cancellare.
      Ma nella realtà è come se già l’avessi fatto.
      Cancellato e dimenticato.
      Cose, fatti e persone.

  7. spingere il pensiero al se, alle possibilità, è un logorarsi lento.

    • Per me a volte è necessario.

  8. Il passato è incancellabile, ma una riflessione ogni tanto io
    lo farei sul mio passato.
    Buon week- end Maria
    Mistral (ombreflessuose)

    • Sono d’ccordo con te, Mistral.
      Buon weekend.

  9. Ovviamente… data causa e pretesto…
    e le riflessioni, non mancherebbero mai..
    cla

    • Le riflessioni in certi momenti nascono spontanee.
      Ciao Cla.

      • Nascon da sole, son come i fiori…
        ciao Marta…
        cla

      • Ciao Cla…
        (però mi chiamo Maria)
        😉

      • Sta a guardà er capello !
        Ciao Naria !

        hi hi hi

      • Ciao Claudio e buona serata
        😉

  10. tornare indietro nel tempo per evitare certi errori? E chi ci assicura che se avessimo fatto scelte diverse ora la nostra vita sarebbe migliore?

    • Infatti, nessuno ce lo assicura.
      Gli errori del passato che mi danno più fastidio sono quelli che, direttamente o indirettamente, hanno fatto del male a persone care.

  11. E’ talmente instabile e imprevedibile il futuro, che se anche tornassimo indietro di un solo minuto, chissà quante cose cambierebbero.

    • Hai ragione.
      Vorrei essere ottimista.
      Spero in un futuro migliore.
      Voglio serenità.
      Per me e per le persone che mi stanno cre.

  12. Un bacio … è solo un bacio, la storia si ripete … “mentre il tempo passa” .
    Casablanca, luogo della memoria, dell’ Amore senza più aggettivi …. dell’ Amore che cambia la storia …. rimanendo immutabilmente uguale a se stesso !
    Casablanca ….
    Se non l’ hai mai visto, @Maria, cerca di vederlo subito, e rivederlo poi ogni volta che ti sarà possibile, diventerà una cosa tua, il film indimenticabile della “tua” memoria e dei tuoi sogni perduti ma non morti …. dove passato, presente e futuro si rispecchiano e si moltiplicano, come in una arcana “sala degli specchi” nel lunapark del tempo … fermatosi in quel mitico “Rick’s Cafè Americain”, laggiù a Casablanca !!!
    Tornare indietro, se potessimo ?!?
    Non da Casablanca, Amica mia, non da quel sogno …. per le riflessioni stesse – che condivido con tutto il mio cuore ! – qui espresse lucidamente da @Anto, da @Pani e da @Sonoqui …. legate tutte da uno struggente sentimento che si fa ragione, passato non passato … “mentre il tempo passa” …. e finge di allontanarsi da noi !
    Un abbraccio …
    @Bruno

    • Ciao @Bruno.
      Ho visto “Casablanca” un numero impreciso di volte.
      Lo amo.
      Fa parte del mio passato, del mio presente e del mio futuro..
      Il tempo passa, inesorabilmente.
      Però qualcosa resta del passato.
      Il presente a volte, magari solo a volte, non così avaro di sorprese piacevoli.
      Il futuro. Da un aparte è un’incognita, dall’altra ce lo costruiamo noi,
      Ti ringrazio per essere passato qui e ti abbraccio forte

  13. Tornare indietro o no, sono domande che non bisognerebbe mai porsi.

    “Cosa sarebbe stato se…” è una domanda che ci tortura, se ce la chiediamo troppo spesso, perché tanto il nastro del tempo, purtroppo o per fortuna, non si può riavvolgere.

    Cambierei qualcosa del mio passato? Probabilmente molto, salvo accorgermi che, tornata al presente, mi mancherebbe qualcosa di incredibilmente caro: pagato col sangue forse, ma assolutamente irrinunciabile.

    • Lo ripeto.
      Io non cambierei niente che in qualche modo avrebbe potuto impedire la nascita di mie figlie.
      Quindi in poche parole mi tengo tutto il mio passato.
      Mi tengo il presente e spero in un futuro sereno.

  14. Oh! Mi sono perso tutta questa bella discussione sul passato, sulle cancellazioni e sugli specchietti retrovisori!
    Rimanendo sul filosofico, ho visto che è uscito un libro interessante sul tema.
    Si intitola “Se il tempo fosse un’aragosta”, di un certo Bi… Bi… acc! non mi viene il nome dell’autore.
    Vabbeh, comunque lo si trova in tutti i reparti dei surgelati dei supermercati.
    Te ne consiglio la lettura, poi magari me lo passi, eh?
    Cià :mrgreen:

    • Interessante questo libro di un certo Bi… Bi… 😉
      Nei supermercati io sono di casa e bazzico anche il reparto dei surgelati, di tanto in tanto.

      Però mi sorge un dubbio…. 😯
      Perché dovrei acquistarlo io e poi passarlo a te?
      Non possiamo fare l’esatto contrario? :mrgreen:

      Cià… 😉

  15. ben detto Ifi, Se si guarda troppo indietro si diventa come la moglie di Lot. Meglio guardare avanti e godere del passato, gioire anche degli errori che dopotutto, sono stati superati.

    • Sono d’accordo.

  16. io indietro non tornerei. mi piace la mia vita, ora. mi piaccio io, ora. se proprio lo dovessi fare sicuramente non risposerei lo stesso uomo, mi sarei aperta una piccola libreria, un figlio si, anche senza padre. come vedi sono zitella ragazza madre d’indole proprio. è stato faticoso arrivare fino a qui, ma sono contenta di avercela fatta, e domani sarà ancora più bello.
    bacio

    • Io risposerei lo stesso uomo, non posso concepire la mia vita senza Giulia ed Elena.
      Ma aspetterei un po’ di tempo prima di metterle al mondo.
      Per esempio.
      E magari proverei a fare andare un po’ meglio il mio matrimonio.
      Anche se, ne sono abbastanza convinta, mi ritroverei sempre a questo punto.

      un bacio

  17. Eh già… tornare indietro nel tempo…
    Ci abbiamo pensato tutti almeno una volta nella vita, ci siamo tutti detti “magari si potesse”… ma, mi chiedo, ci piacerebbe davvero?

    Io, forse, avrei detto qualche “ti voglio bene” in più alle persone care che ho perduto, poi avrei voluto incontrare ancora prima mio marito per poter godere da sempre di ogni istante di vita insieme…

    Per il resto non mi pento: nella mia vita ho riso, pianto, sofferto, urlato, ho perso tutto e poi ricominciato… ma è proprio questo che mi ha reso ciò che sono. Rinnegando il passato rinnegherei me stessa!

    Le strade si scelgono accordandosi alle nostre situazioni interiori… nell’esatto istante in cui siamo una “determinata” cosa, scegliamo un determinato percorso nella nostra vita…
    Ma il nostro io si evolve sempre e spesso si riprende in mano il timone, si vira ancora e la rotta viene raddrizzata a seconda del “Vento”…

    E’ bello rincontrarsi ogni tanto in queste acque “blogsferiche”…
    Buon “viaggio”, buena vida y a presto Melania

    Noemi

    • Sì, è davvero bello Noemi.

      Ti auguro un bel pomeriggio sereno
      A presto

      • Sereno non troppo purtroppo, dato che stanno assediando anche Manchester, dove vivo… ma speriamo che la situazione sia contenuta -_-‘

      • Mi dispiace davvero, non sapevo che vivessi a Manchester.
        Speriamo che la situazione si risolva.

  18. […] Maria riflette nel suo articolo “Ma s’io avessi previsto tutto questo” mi capita sotto gli occhi un post di Raffaella Frullone, “Bilance e bilanci“, […]

  19. “Se i giovani sapessero, se i vecchi potessero” e la vita va avanti e forse è vita proprio perchè non la puoi programmare, va vissuta com’è.
    Sapessi quante cose non farei, una in particolare non mi fiderei più così tanto delle persone, ma ormai la frittata è fatta (per rimanere in cucina 😉 ) ci aggiungo un pò di “pepe” e me la mangio così 🙂
    Ma sarà complicato l’essere umano? Mi è piaciuto il riferimento dello specchietto retrovisore, già, troppi “musi ammaccati” in giro a causa sua 😉

    • Sì, la frittata è bella che fatta.
      E come dici tu da esperta… non possiamo che insaporirla con gli ingredienti in nostro possesso e un briciolo di fantasia.
      😉

  20. Sul tema mi gira in testa una canzone…
    te la passo—> http://www.youtube.com/watch?v=M5gpBncR8zI
    Enjoy!

    • Grazie Noemi.
      Canzone bellissima che ho riascoltato con immenso piacere.

      un caro saluto e grazie

      Per chi, come me, non mastica tanto il francese, riporto la traduzione

      no, niente di niente
      non rimpiango niente
      né il bene che mi è stato fatto
      né il male, non mi importa

      no, niente di niente
      non rimpiango niente
      ho pagato tutto, tutto spazzato via, dimenticato,
      me ne infischio del passato

      coi miei ricordi
      ho acceso un fuoco
      i miei dolori, le mie gioie,
      non ho più bisogno di loro
      mi sbarazzo degli amori,
      e di tutti i loro tremori,
      spazzati via per sempre,
      riparto da zero

      no, niente di niente
      non rimpiango niente
      perchè la mia vita, la mia gioia
      oggi
      comincia con te


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: