Pubblicato da: maria | settembre 22, 2011

Senza fretta

Questa è la prima cosa che mi sono detta stamani quando ha trillato la sveglia del mio cellulare.

Ho preso il cellulare in mano e ho posticipato la sveglia di 10 minuti. E poi ancora di altri dieci. Alla fine mi sono alzata alle 7 e mezza. Mi sono infilata una maglietta, ho indossato le infradito e sono andata in cucina, seguita da Molly. Ho aperto il frigo: un bicchiere di acqua e un vasetto di yakult.

Sono andata in soggiorno, ho sollevato le avvolgibili e sono uscita in terrazzo. Cielo azzurro con qualche sbavatura di nuvola. Aria fresca.

Quindi in bagno per una veloce doccia, acqua ben calda e il mio nuovo bagnoschiuma all’aroma di arancio e limone.

In accappatoio sono tornata nella mia camera da letto. Distesa sul letto ho aperto il portatile e ho controllato la posta. Molly accucciata vicino a me faceva di tutto per convincermi a tornare a letto, sotto le coperte. Stavo quasi per darle retta, ma alla fine ho resistito. Avendo capito l’antifona, la piccola si è accucciata e ha ripreso a dormire.

Davanti allo specchio pulizia del viso e creme varie ed eventuali. Deodorante e trucco leggero per il viso e per gli occhi.

Ho preso dal cassetto del comò la biancheria intima e l’ho indossata. Quindi ho aperto l’armadio e ho scelto un vestito nero e dalla scarpiera le infradito nere.

Ho richiuso il portatile, ho messo nella borsa, sempre nera, i cellulari, gli occhiali da lettura e le chiavi di casa. Un affettuoso saluto a Molly e alle 8 e 25 sono uscita di casa. Non senza aver indossato un paio di occhiali da sole. Scuri.

Appena salita in macchina ho acceso la radio e la prima sigaretta della giornata. Radio Capital con la rassegna stampa di Luca Bottura.

Sempre ascoltando Lateral ho raggiunto la zona industriale della mia città e il bar dove faccio colazione. Cappuccino con spruzzata di cacao e un bicchiere di acqua. Giornale e sigarette. E quindi, fumando la seconda sigaretta della giornata, ho raggiunto l’ufficio. Ho timbrato alle 8 e 53. Sette minuti di anticipo.

Il tutto senza fretta e senza affanno. Senza pensieri nella testa che potessero distrarmi o deviarmi da questo concetto: non ho fretta. Non ho più alcuna fretta. C’è tempo per tutto. E questo è il mio tempo. Questa è la mia vita. E io la voglio vivere con calma. Senza ansia. Ho fatto RESET e non ho più pensieri nella testa. Tabula rasa. E non penserò più a niente finché non troverò un pensiero felice.

Annunci

Responses

  1. Ma che bello !!!!!!
    Voglio riuscirci anch’io.
    Io corro sempre come una pazza da quando mi alzo al mattino fino a sera……e la maggior parte delle volte non riesco neanche a fare tutto ciò che avevo programmato…….
    Hai ragione tu. Bisogna prendere tutto con un pò più di calma……
    Buon pomeriggio,
    Luciana

    • Non è molto bello.
      Diciamo che in questo momento è una scelta.
      Sono anni che vivo di corsa, come se avessi qualcuno che mi rincorre.
      La sensazione del fiato sul collo.
      Ora mi serve calma.
      E cerco di impormela.
      Buon pomeriggio a te, Luciana.

  2. Se mi alzassi dal letto alle 7.30 non ce la farei mai ad essere fuori casa alle 8.25! Io ho bisogno di molto più tempo! 😉

    • Anche io di solito mi alzo molto prima.
      Specialmente quando ci sono mie figlie.
      Se sono da sola riesco ad organizzarmi e ce la faccio.
      Non passo ore a truccarmi e pertanto mi ci vogliono 5 minuti davanti allo specchio.
      Non faccio colazione a casa, fra l’altro.

  3. A me questo ritmo, grazie al cielo, è arrivato per ragioni “fisiologiche”; eppure, a volte, anch’io devo impormelo…invece è così bello far tutto “con calma” si ha la sensazione che si viva non meglio ma di più!

    • Premetto che questo non è il modo di vivere mio abituale.
      Ma qualcosa che a fatica sto cercando di impormi.
      Perché i questo momento ho bisogno di “calma”

  4. Ecco, questo è un buon proponimento per riavviare i motori. Prendersi tempo per sè, concedersi attimi per respirare e guardare il mondo con occhi nuovi.
    Brava Maria!

    • Non è esattamente così, non come credi.
      Non è che io mi sta prendendo tempo per me.
      Non del tutto.
      Più che altro sto fuggendo dal resto.
      Mi viene difficile da spiegare.

  5. Finalmente un post che mi lascia serenità (ne ho bisogno) e
    piacere. Una giornata così, è da segnare sul calendario come un giorno di festa.
    Approvo in pieno
    Un abbraccio
    Gina

    • No, Gina.
      Nessuna giornata di festa.
      Proprio no e mi dispiace deluderti.
      Ma non voglio dare un’impressione diversa.
      Sono stanca e sto cercando di allentare la morsa.
      Provo a rallentare i ritmi.
      Tutto qui.
      Un abbraccio

  6. brava… è così che deve andare. non per me in questi giorni, in questi mesi. ma tenterò.

    • Ciao Fra e buona giornata

  7. Bhè… se includevi il filmato della giornata avresti avuto ancora più plausi.

    Alcuni passaggi dovevano essere interessanti…

    😉

    • Eccolo lui… immagino che tu ti riferisca ai filmati con la mia cucciola Molly, vero?
      😉

  8. “Senza fretta” è uno dei capisaldi della mia vita, direi.
    Però, dai, si può vivere senza fretta anche con i pensieri felici per la testa.
    Che poi così durano di più.

    • Non ho pensieri felici in questo momento.
      E non è un modo di dire.
      Ho il vuoto.
      Si faranno vivi presto o tardi, chi lo sa…

      • idem

  9. buona giornata a te

    • Ciao Francesca.
      Giorni fa sono venuta a trovarti ma non sono riuscita ad accedere al tuo blog.
      Ora ci riprovo.

  10. Buongiorno Maria, tu intendevi “altro”, ma hai trasmesso sensazioni positive e questo è molto bello. Se la tua voglia di rallentare è causata da qualcosa di spiacevole non l’hai dato a vedere, lo evinco dai commenti e dalle tue risposte…forse la serenità ti sta aspettando dietro l’angolo di questo nuovo giorno.
    Io ho dovuto “rallentare” per i dolori alle ginocchia, ma la mente continua a correre all’impazzata.

    • Non so dove sia la serenità.
      Spero solo arrivi, anche piano, anche in incognita.
      Basta che arrivi.
      Non credo ti possa consolare, ma io ho un male pazzesco a una caviglia, tanto che mi fa rallentare l’andatura o zoppicare.
      Sto andando avanti ad antidolorifici.
      Dolori per cambio di stagione?
      No. Eccesso di aria condizionata (in ufficio).
      La mia andatura può rallentare.
      Posso apprentemente decidere di fermare il cuore.
      Ma quello che succede nella mi mente…

      • Grazie..

      • Grazie a te, Libera.
        Buon pomeriggio…

  11. Pensavamo (plurale della maestà) che la cronaca dettagliata proseguisse fino a sera… 🙂
    Anche perché vorremmo (!) sapere come hai conciliato questo ritmo con gli impegni di lavoro… :mrgreen:

    • Oddio… ora non ricordo benissimo.
      Ovviamente sul lavoro ho dato il meglio di me stessa, come sempre.
      Lasciando tutti a bocca aperta per la mia competenza, precisione e puntualità.
      Sono perfetta. :mrgreen:

      Poi dopo il lavoro… e Aquila cara.

      Come diceva quella canzone dei tuoi tempi?

      “La notte è piccola per noi, troppo piccolina…”

      :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  12. adoro la calma al mattino…iniziare senza fretta vuol dire partire bene, che non è sinonimo di sempre bene, ma aiuta 🙂
    buona serata, Maria..domani si riparte..con calma …..

    • Già, la calma.
      Che non sempre si concilia con la sveglia la mattina e le cose da fare di corsa prima di uscire di casa.
      Specialmente quando la casa è “affollata”.
      Quando sono sola mi viene più facile.
      Comunque provo a impormelo, almeno ogni tanto.
      Questo fine settimana mi sembra di non avere “staccato” un attimo…
      Forse tornando in ufficio mi riposerò un poco… 😉
      Buona serata 🙂

  13. punto e capoverso seguente.

    • Another week, another post…

  14. esempio da imitare ci stò lavorando, sono ancora lontano. veramente bello questo tuo inizio di giornata.ciao buonanotte.

    • Anche io ci sto lavorando.
      E’ un periodo terribilmente difficile.
      Ma l’importante è non perdersi d’animo.
      Buonanotte

  15. There are some interesting points in time in this article but I don’t know if I see all of them center to heart. There is some validity but I will take hold opinion until I look into it further. Good article , thanks and we want more! Added to FeedBurner as well

  16. Hai trasmesso quel che volevi trasmettere, ed io ho colto. Mio figlio sta per andare a vivere nella città dove si è iscritto per gli studi universitari: la cosa mi eccita e mi spaventa, perchè lui ha una parte fragile che vorrei proteggere sempre.
    Rimarrò sola, con tutto il tempo del (mio) mondo. Senza nemmeno la consolazione di avere Thiago con me.
    A volte penso che il destino non sia solo il paravento degli irresponsabili.
    Un bacio. :*

    • Quel qualcosa che ci rende per certi versi simili, forse ha fatto sì che tu sia riuscita a cogliere.
      Io credo che in questo momento un po’ di solitudine me la godrei davvero.
      Ne avrei un bisogno “fisico”.
      La grande si è iscritta in questa città e la piccola fa ancora la scuola.
      Restano qua, anche se vanno e vengono.
      Lo sai che lo penso anche io?
      Un bacio a te

  17. amo fare le cose con calma, assaporarle, pensarle prima di farle,
    la fretta mi mette l’ansia e anche un certo nervosismo!

  18. solitudine:

    i fuochi d’artificio che fioriscono,
    dopo cade una stella

    MASAOKA SHIKI – (1867 – 1902)

    • Ci sta bene anche qua….

  19. voglio immaginare che una volta in ufficio anche gli altri si siano adattati al tuo ritmo tranquillo… e non viceversa! 😉

    • In linea di massima sono io che mi devo adattare, quando si tratta di lavoro…
      Però c’è modo e modo di affrontare il lavoro e lo stress… 😉

  20. brava, io sono anni che agisco così: non c’è fretta. Tutto si può fare con tranquillità, nessuno muore per un ritardo. Mi riferisco soprattutto al lavoro. Non c’è fretta, rispondimi con calma.

    • Ma guarda tu che sorpresa…
      A dirla tutta, io sono una persona piuttosto puntuale.
      Nella vita come nel lavoro.
      Però cerco, quando ci riesco, di prendermela con un po’ di calma.
      E nonostante tutto riesco a essere puntuale.
      Un abbraccio, New

      • un bacio

      • un bacio a te, New


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: