Pubblicato da: maria | novembre 28, 2011

Oggi

Stamani mi sono svegliata con questo pensiero.

Oggi rinasco.

Capisco che possa sembrare pura utopia, ma io ne ho bisogno. Un bisogno fisico e mentale. Ho bisogno di crederci e ho bisogno di provare a realizzare questo sogno.

Dopo oltre due settimane di sofferenza lucida e cruda, è vitale che io cerchi una soluzione per trovare la via di uscita da questo tunnel di dolore sterile.

Voglio ritornare a vivere. Voglio ritrovare il piacere delle piccole cose della vita quotidiana. Voglio ritrovare il sorriso.

E’ chiaro che non posso cancellare la sofferenza con un colpo di spugna. E’ impensabile. Ma voglio concentrarmi su ciò che mi fa stare bene. Impegnarmi a mettere le basi per un modo di vivere differente dall’attuale.

E’ inammissibile continuare a rimandare ed è intollerabile tenere la testa sotto la sabbia. Ho bisogno di aria e di realtà.

Sento la necessità di conoscermi e riconoscermi. Di accettarmi.

Ho troppo freddo. Quel gelo che si percepisce internamente quando non ci si sente a proprio agio con la vita. Ho bisogno del calore che riesca a sciogliere questo disagio.

Annunci

Responses

  1. Questo pensiero mi sembra, finalmente, quello giusto. Un pensiero che spinge a reagire a tentare altre strade. Brava Maria! In bocca al lupo.

    • Ho raccolto tutta la mia forza e la mia determinazione.
      Non è facile ma si prosegue.
      Lo devo.
      A me stessa e a chi mi vuole bene.
      Grazie

  2. Concordo.
    Questo è un grande passo avanti che stai facendo…..
    Ci saranno ancora momenti di sconforto, ma se hai la fermezza di volere rinascere, ce la farai.
    Buon pomeriggio,
    Luciana

    • La determinazione di solito non mi manca.
      Di solito.
      Spero di riuscire nel mio intento.
      E’ un progetto faticoso, difficile e pesante.
      Ma ormai ho deciso di percorrere questa strada.
      Buon pomeriggio

    • Io ci provo…

  3. E’ bello sentire queste parole cariche di voglia di rinnovamento; il primo importante passo per cambiare realmente è la volontà di agire in modo determinato.

    Un saluto

    • Come dicevo in un altro commento, la determinazione non mi manca.
      Purtroppo a volte la uso nel modo sbagliato.
      Ora vorrei utilizzarla razionalmente.

      Un saluto a te

  4. Sai credo che nessuno più di me possa capirti meglio…Scusami la presunzione, ma credo proprio che noi due stiamo facendo lo stesso percorso. perchè non farlo insieme?
    Abbraccio cara e coraggio…io sono ottimista!

    • Anche io ho avuto la stessa sensazione.
      Io ci provo a essere ottimista.
      Non è facile ma si va avanti.

      Un forte abbraccio a te

  5. Le patatine fritte, calde calde, farebbero al caso tuo.

    • Non con la panna, spero….

      • Magari con la panna cotta

      • Non mi piace neanche la panna cotta… come si fa?

      • Allora patatine fritte con contorno di patatine fritte e condite con patatine fritte !

      • Non vorrei sembrare una persona difficile… però come la mettiamo con il colesterolo?

      • Gli dichiareremo guerra in seguito….

      • Nessuna prevenzione, dunque?
        Non che le patatine fritte non mi piacciano.
        E non le mangio da… da parecchio tempo. TROPPO direi.

      • Te l’ho detto…
        E’ giunto il momento !
        PATATINE FRITTE !

      • Le friggi tu?
        Io non ho ancora cenato… e se vado avanti di questo ritmo finisce che salto la cena.

      • Finirò per dare io le capocciate al muro con te… 🙂

      • Perché mai dovresti dare le capocciate al muro?
        Non si parlava di patatine fritte?
        Non le vuoi friggere? Ecco… basta dirlo…

      • Sono fritto…

      • Esagerato… visto che tu pensi a friggere te stesso invece che le patatine (assolutamente NON surgelate!!!), vado a vedere cosa offre il mio sguarnito frigo…

  6. periodo nero anche per me, ma le tue parole di oggi mi hanno aiutata, lo so, si può fare! ora bisogna reagire! un sorriso per te..il primo di questa giornata.

    • Un grande sorriso a te e un abbraccio

  7. bel pensiero.

  8. Magari…
    Io son ferma alla stazione, e aspetto ancora. E mentre aspetto c’è chi fa di tutto per prendersi anche quella parte di vita che apparterrebbe solo a me.

    • Credo di averti scritto della sensazione che provo a volte in questi giorni.
      Di trovarmi in una stazione ferma ad aspettare treni che non passeranno più.
      Solo che non si può passare una vita, o quel che mi resta, ad attendere.
      Non devi permettere che niente e nessuno si impossessi della tua vita.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: