Pubblicato da: maria | dicembre 3, 2011

Dare tempo al tempo

 

Oggi nel pomeriggio sono tornata in quella casa dove non mettevo piede da mesi.

Tempo favoloso, aria più che tiepida e panorama mozzafiato.

Appena entrata mi sono quasi meravigliata. Mi sono resa conto che inconsciamente mi aspettavo di trovare un disastro.

Invece la casa era esattamente come l’avevo lasciata quel giorno. Integra. Il disastro l’ho fatto io dentro e fuori di me. Le mura della casa resistono. Loro non perdono pezzi e non mostrano crepe evidenti.

Mi sono sentita ospite a casa mia. Tutto troppo percettibile. Ogni particella di quel mondo mi riportava a qualcosa che io sto cercando di dimenticare.

Tutto era lì. Odori, sentori, profumi, sensazioni, ricordi, colori…

Tutto era lì.

Non basta pensare per decidere.

Non basta pensare di essere per volere.

Non basta pensare di volere per essere.

E io non sono.

Ancora non sono pronta.

Sono impastata di sensazioni che abitano dentro di me.

E non sono sicura di voler dare loro lo sfratto.

Annunci

Responses

  1. Ciao Maria, una bella giornata a te, per lo “sfratto” c’è tempo…

    • Ciao Libera cara.
      Ti auguro un sabato sereno.

  2. “E non sono sicura di voler dare loro lo sfratto”: l’hai detto.

    Ad abbandonare un dolore ci sembra di tradirlo, e di tradire tutto ciò che a quel dolore ci ha portato, ma che magari prima ci ha dato tanta felicità.

    E quella rivorremmo.

    • Sai, a dire la verità ieri non pensavo al dolore.
      Sentivo solo ancora presenti nell’aria certe sensazioni piacevoli.
      Come se i muri, i mobili e gli oggetti le avessero assorbite e ora le rilasciassero, lentamente.
      Quello che ho provato va oltre il dolore.

      Forse è rimpianto.

  3. il tempo solo il tempo e anche tanto stucco per risanare le crepe ma ce lo vuole buono deve essere di ottima qualità l’ anima va maneggiata con cura molta cura poi tutto tornerà aposto come nuovo quasi.Ciao maria buonsabato.

  4. Vedi, se noi due fossimo vicine (anche la scelta delle foto, dico…), potremmo confrontarci e cercare di capire insieme perchè non siamo pronte per, perchè non riusciamo a, perchè siamo ferme alla stazione da tanto.
    Non so se ho interpretato bene il senso di quello che hai scritto, ma lo capisco perchè è anche mio.
    Un abbraccio sincero e affettuoso. :**

    OT: WP non ti ha regalato la neve di default? Qui è sereno.

    • Lo penso anche io, Nico.
      Lo penso veramente.
      Ho la disgrazia di essere lontana da persone che sono importanti e che vorrei avere per lo meno più vicino.
      Vivo su un’isola.
      In molti sensi.
      In troppi sensi.
      Ormai sono anni che mi ritrovo in una stazione.
      Ne sono razionalmente conscia.
      Solo che ora capisco che devo uscire dalla stazione perché per me non ci sarà più nessun treno.
      Quelli che sono passati forse li ho persi, oppure ero distratta e non li ho visti passare.
      Forse ho avuto paura di salire sul treno.
      O forse ci sono salita ma ne sono caduta giù.
      Non posso stare ad aspettare treni che non passeranno.
      Ma non mi sento pronta ancora per decisioni di un certo tipo.
      Un amico ieri mi ha detto che io non prendo iniziative affettive.
      Che non dico quello che provo. Che sento.
      Che non esterno.

      Allo stato attuale è vero.
      Ma io così lo sono diventata.
      Un tempo non lo ero.

      Ora non me la sento.
      Non più.
      Rispondo se mi si dice.
      Altrimenti sto zitta.

      Non so se è un bene o un male.
      Ma è così.
      Ho troppa paura di stare male.
      Di sbagliare ulteriormente.

      Ti stringo forte forte :**

      p.s. da me niente neve. Non so il motivo. WP penserà che non me la merito. Oppure saprà che tutto ciò che sa di natale o festeggiamenti per me…

  5. Alla tua lista dei “non basta”, ne aggiunerei uno che mi pulsa nelle tempie da un pò di tempo: non basta *fare* per *cambiare*.
    Un saluto.

    • Ti devo dare ragione.
      Purtroppo non basta.
      Buona serata

  6. Tieni forti le tue mura.
    Saranno le fondamenta su cui riostruirti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: