Pubblicato da: maria | gennaio 23, 2008

maestrale

immag016.jpg

Cielo azzurro e limpido. Sole caldo.

Alle due, approfitto della presenza delle donne che fanno le pulizie in ufficio, prendo la macchina e vado al mare.

Il vento è talmente forte che sposta la macchina. Maestrale. Sento il suo ululato che mi accompagna e mi fa strada sino alla rotonda. Parcheggio la macchina.

Come apro lo sportello, l’impatto è violento. Il vento mi investe e mi fa rabbrividire. Mi stringo nella sciarpa. Cammino un po’ inclinata, i capelli mi cadono sul viso, gli occhi cominciano a lacrimare nonostante gli occhiali da sole.

Scendo i pochi gradini e sono sulla spiaggia. Intorno a me nessuno, solo il mare e la schiuma delle onde che si infrangono violentemente sulla spiaggia.

Tutto è talmente bello che trattengo il fiato. Faccio qualche passo. Il vento, gli schizzi e la salsedine si mischiano ai miei pensieri. Diventano più lievi.

Maestrale (Eugenio Montale)

S’è rifatta la calma
nell’aria: tra gli scogli parlotta la maretta.
Sulla costa quietata, nei broli, qualche palma
a pena svetta.

Una carezza disfiora
la linea del mare e la scompiglia
un attimo, soffio lieve che vi s’infrange e ancora
il cammino ripiglia.

Lameggia nella chiaria
la vasta distesa, s’increspa, indi si spiana beata
e specchia nel suo cuore vasto codesta povera mia
vita turbata.

O mio tronco che additi,
in questa ebrietudine tarda,
ogni rinato aspetto coi germogli fioriti
sulle tue mani, guarda:
sotto l’azzurro fitto
del cielo qualche uccello di mare se ne va;
né sosta mai: perché tutte le immagini portano scritto:
“più in là”!

Annunci

Responses

  1. Anche io amo il mare d’inverno, lo spumeggiare delle onde, il vento che ti investe il corpo e l’anima…
    Quando posso, trascorro ore sulla spiaggia per godere di questo spettacolo della natura. E ritrovo me stessa.
    Un caro saluto,
    princi

  2. che meravigliosa immagine Melania…tu e il mare…la salsedine che alleggerisce i pensieri

  3. Peccato che il mare non geli mai, non c´entra nulla col post, ma sarebbe interessante patttinarci sopra

  4. un bellissimo post positivo.

  5. Se la mia si può definire invidia ebbene lo è ,ma perchè e ripeto perchè tu prendi la macchina e dopo 5 minuti sei al mare mentre io dovrei percorrere almeno 3 ore?

    Un caro saluto
    Roberto

  6. Qualche vantaggio nell’abitare in Sardegna, oppure in Sicilia, ci sarà… non credi, Roberto?

  7. Il vento e il mare che fan volare i pensieri….che pomeriggio senza fiato. Un po’ d’invidia ma che bello vedere la foto di quello che hai descritto.
    Notte.

  8. Ma che combina WP col mio avatar!!!!

  9. E i pensieri saranno sicuramente volati lontani con maestrale…
    Un abbraccio
    Dona

  10. :: Hai fatto una cosa che anch’io adoro fare…
    Solo che spesso mi ci perdo letteralmente.
    Resto ore in contemplazione… tutto si ferma, il cielo scolora nell’orizzonte e mentre stinge sull’acqua che spuma e s’infrange frizzante sulla mia pelle, mi confondo con la linea dell’infinito.

    Ed hai anche allegato una poesia stupenda…
    A me Montale piace proprio… si nota?

    Un bacio. ::

  11. sono quattro mesi che non vedo il mare. troppi se penso che in mezz’ora ci sono. non si dovrebbe trascurare così un amico fidato.
    la tua foto, ma più le tue parole mi han fatto venire voglia di sentire la salsedine nei capelli.
    come te.

  12. mi sarebbe piaciuto esser lì con te….

  13. Adoro il mare..mi manca tanto qui a firenze..
    quando ho letto il post..beh..sembrava di star lì con te.
    Grazie.
    🙂

  14. Il mare in solitudine. Le onde arrabbiate, il grigio il blu, la sabbia che sferza. E’ un luogo senza confini, la spiaggia invernale. Puoi fare chilometri non muovendo un passo e vedere lontano attraverso le lacrime regalate dal vento.

    (ecco cosa farò questo week end)

  15. 😀 wow..che bello…
    ti invidio un pochetto 😉

  16. bellissima foto! tanta voglia di essere in un posto simile!

  17. Mel complimenti per la foto ed il post!
    un pò di aria di mare mi farebbe tanto bene…quando mi ci porti?! 😉

  18. Condivido quanto scritto. E poi, la parole qui sono come le onde: cullano…

  19. trovando (ora) altro, il mare (ora) mi è distante… in modo sicuramente eccessivo

  20. E quando ci fermiamo sulla riva
    lo sguardo all’orizzonte se ne va
    portandoci i pensieri alla deriva
    per quell’idea di troppa libertà!

    affido al volo di un gabbiano il mio saluto…
    Flavio

  21. quando parla montale non c’è altro da aggiungere

  22. Esiste poesia più bella? Più sana e serena?

    Magari sì.

    Ma certamente questa, le supera tutte.

    Ottima scelta.

    un abbraccio.

  23. Anch’io mare e vento, ma senza sciarpe per fortuna.

  24. sai cosa mi ricorda il maestrale?
    una vacanza allucinante all’isola dei gabbiani in campeggio.sotto la pioggia che veniva giù a secchiate in compagnia del vento da te tanto amato.mi ricorda la tenda bagnata e il suo contenuto zuppo.mi ricorda le nottate a dormire in macchina.andare in giro come una zingara.farsi la doccia in pochi sprazzi di sole.mi ricorda le risate.l’abbronzatura stiracchiata.la fine di un’amicizia.
    ahhh…il masetrale.

    ti stringo mel.
    raffabella

  25. Ciao Melania, sono stanca stasera e fra un pò vado a ficcarmi a letto…non ci sono i riscaldamenti da tre gg perchè c’è stato un guasto. Stiamo scaldando con un termoventilatore che passiamo di stanza in stanza…brrrrrr
    Notte! 🙂

  26. il maestrale insegna. sta a noi allievi imparare la bellezza

  27. BUONA GIORNATA … DI SOLE QUI 🙂

  28. Chissà come ti sei sentita…leggera! Trasportata dal maestrale, con in volto un sorriso accennato mentre respiravi a pieni polmoni l’aria frizzantina. Mmhh quanto vorrei poterlo fare anch’io, mi basterebbe anche solo una volta al mese. Sarebbe rigenerante per il corpo e per lo spirito.
    Buona giornata a tutti, qui cielo velato. 😉

  29. il maestrale è passato….

  30. in questo soffio leggero passo a darti un saluto.

  31. se non ci sentiamo nel pomeriggio…buon fine settimana

  32. Eccomi di ritorno… ho bevuto i miei sorsi di cielo e mare mentr’ero via… ed ora eccomi qua…. amo il mare d’inverno… scrivero anch’io su di lui… mi fa innamorare… aleggerisce la mia mente… mi fa respirare l’anima…
    Un abbraccio Melissa… ben ritrovata 🙂

  33. ops… volevo scrivere melania… sto periodo non ci sto tanto coi nomi 😛

  34. Ancora una giornata stupendamente tiepida e col sole, mi sto quasi abituando é che poi se torna l’odiato freddo. Sai girare col giubbino aperto mettere la magliettina al posto del maglione sentire il sole che ti scalda il viso mentre passeggio col cane…si puó fare l’abbonamento per giornate cosí!!!! 🙂
    buona serata a te e alle piccole.
    Kiss by Xeena

  35. Conosco il maestrale e conosco la sensazione del vento che ti viene incontro con entusiasmo gioioso.
    Di quando ero piccola che il Maestrale ci impediva di andare al mare per giorni sempre dispari.
    Mi manca il mare. Ne sento quasi la mancanza come l’aria a volte.
    Il suo profumo, la sua essenza.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: